NATALE FILANNINO

 

" IRRUZIONE A - C "
1971 Acrilico su tela cm 70x50

 

 

Natale Filannino

Nasce nel 1924 a Reggio Calabria, muore a Firenze il 10 gennaio 1987.

Dopo aver frequentato l'Istituto Industriale e quello d'Arte, si trasferisce a Firenze, dove completa gli studi dell’Accademia di Belle Arti. É stato docente di discipline pittoriche al Liceo Artistico Statale di Firenze. Ha partecipato alle correnti d'avanguardia dal 1953, prima in un ambito realista espressionista, dopo ha fatto esperienze nel campo dell'astrattismo classico. Tenendo sempre conto di un impegno artistico-politico-sociale entra nella determinazione di fondare un movimento che possa raccogliere tutti gli artisti impegnati in questo senso, dà vita così, nel 1964, insieme a Vinicio Berti, Giampiero Avanzini, Nadia Benelli, Bruno Pecchioli, Liberia Pini al "Segno Rosso". Per le stesse ragioni nel 1970 lo troviamo tra i fondatori dello studio d'arte "Il Moro". Nel 1972 aderisce al manifesto "Nascita di una morfologia costruttiva" e partecipa a tutte le manifestazioni del gruppo. Il suo impegno professionale lo ha visto protagonista in campo nazionale delle più significative manifestazioni, dove gli sono stati attribuiti i massimi riconoscimenti. Ha partecipato a mostre internazionali a Mosca, Praga, Bucarest, Sofia, Budapest, Vienna, Basilea ecc. Ha allestito circa sessanta mostre personali in tutta Italia: Milano, Roma, Brescia, Napoli, Cagliari, Barletta, Bari, Venezia, ecc. Nel 1977, invitato dal governo jugoslavo, presenta un'importante mostra antologica a Dubrovnick.

Nell’ottobre 1999 è stata allestita al Centro d’Arte Modigliani, Scandicci (FI) una vasta mostra retrospettiva di grafica, pittura e scultura curata da Ugo Barlozzetti e Pier Paolo Castellucci.

 

 
  Artista precedente Home Artista successivo